Fallimento dell’azienda – come valutare il rischio di fallire e i rimedi

Come valutare il rischio di fallimento dell’azienda?

Se hai una partita IVA, sei socio di una società e ti trovi in una situazione di crisi, allora la prima cosa da fare è capire se sei fallibile o meno.

Perché è così importante capirlo?

Perché permette di capire quali tipi di soluzione poi adottare, e in determinati casi puoi riuscire anche a salvare la tua attività dal fallimento

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

La legge sul fallimento

Gran parte della normativa relativa al fallimento e agli strumenti di soluzione alle crisi d’impresa è racchiusa nel Regio Decreto n. 267 del 16 marzo 1942.

Suonare un po’ anacronistico ma nonostante nel tempo ci siano state modifiche della normativa, nel momento in cui scriviamo è ancora il punto di riferimento.

La buona notizia è che nel mese di settembre 2021 entrerà in vigore il Codice della Crisi di Impresa e dell’Insolvenza che ci permetterà di parcheggiare in soffitta la Legge Fallimentare e utilizzare questo nuovo strumento.

In alcuni passaggi sarà una vera rivoluzione per gli imprenditori italiani, a cominciare dal fatto che saranno abolite le parole fallito e fallimento da tutte le leggi italiane.

I requisiti di fallibilità

Il requisito soggettivo

La legge ci dice che sono fallibili gli imprenditori che esercitano un’attività commerciale, quindi andremo a verificare che l’attività che svolge abbia uno scopo di lucro.

Già in prima battuta possiamo escludere, ad esempio:

le associazioni

le fondazioni che non hanno scopo di lucro ma hanno scopi di tipo diverso

Il requisiti oggettivi:

Verificheremo se nei 3 anni precedenti:

  • hai avuto ricavi sotto i 200 mila euro
  • hai avuto un attivo patrimoniale sotto i 300 mila euro ed infine
  • se la somma di tutti i debiti che devi pagare sta sotto i 500.000 euro

C’è poi un ulteriore requisito da valutare: occorrerà verificare se l’ammontare dei debiti scaduti e non pagati sia superiore o meno a 30.000 €.

Ad esempio se hai un mutuo o un finanziamento di 100.000 € e stai pagando le rate secondo il piano di ammortamento. Tutte le rate non pagate sono considerata ancora non scadute, perché scadono alla data in cui le devi pagare.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

A che serve sapere se sono fallibile?

Da questo dipende che tipo di strumento puoi utilizzare per risolvere la crisi, e nei casi più estremi salvare la tua attività dal fallimento.

Se ci sono i requisiti per farlo e sai di essere fallibile, allora la Legge Fallimentare ti permette di utilizzare tre strumenti per risanare la tua attività:

  • piano di risanamento
  • concordato preventivo
  • accordo di ristrutturazione dei debiti

Ognuno di questi strumenti ha le sue caratteristiche e i suoi vantaggi. Per questo motivo occorre valutare in ogni situazione qual è lo strumento migliore, perché sbagliare soluzione a volte può davvero essere fatale.

Se invece sai che la tua attività non è fallibile allora la crisi può essere risolta attraverso due strumenti che troviamo nella legge sul sovraindebitamento:

Difendersi da un ‘istanza di fallimento

La strategia difensiva corretta per scongiurare il rischio di fallimento dell’azienda, va individuata a seconda dei casi.

Nel caso in cui tu sia fallibile allora il modo corretto per “congelare” questa istanza è presentare:

  • una domanda di concordato preventivo prenotativa
  • un accordo di ristrutturazione dei debiti, anche in questo caso “prenotativo”

Dopo aver verificato la situazione il giudice competente concederà un termine per presentare la documentazione necessaria e tentare l’accordo con i creditori.

Se invece sai che la tua attività non è fallibile allora occorrerà all’udienza pre-fallimentare (la prima udienza fissata dal giudice) dimostrare documentalmente al giudice che non si sono superati i limiti predetti.

Dopo aver effettuato le verifiche, se non sono stati superati i limiti allora il giudice non procederà con la dichiarazione di fallimento.

È importante ricordarsi sempre che per la legge l’amministratore di una società è sempre tenuto ad agire con tempestività per risolvere la crisi. Quindi può essere davvero controproducente ignorare il problema sperando che le cose si risolvano da sole.

Inizia ora a raccogliere tutti i tuoi dati e, valuta con un’analisi approfondita e corretta la tua situazione, inizia a pensare a quale possa essere la migliore soluzione per te per scongiurare il rischio di fallimento della tua azienda.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

Oppure iscriviti alla Newsletter per ricevere l’ EBOOK GRATIS