Devo rinunciare all’eredità se ho dei debiti?

Se sai che nel prossimo futuro esiste la possibilità di ricevere un’eredità, ma sei un imprenditore con troppi debiti, devi rinunciare?

Cosa fare e cosa non fare?

Devi decidere se accettare o meno l’eredità.

Avrai anche pensato che se rinunci all’eredità, magari viene accettata dai tuoi figli, e così sei a posto.

Il tema dell’eredità un tema molto sentito dagli imprenditori soprattutto nei casi in cui si teme che il patrimonio ereditato possa essere fagocitato dai debiti dell’azienda.

Le alternative a rinunciare all’eredità se hai dei debiti

Quando si apre un eredità non ci sono ancora l’erede, ma il potenziale erede che viene definito chiamato all’eredità. Questo è legittimato a ereditare ma non ha ancora accettato formalmente.

Le possibilità che si possono presentare sono:

  1. accettare l’eredità
  2. rinunciare all’eredità
  3. accettare l’eredità con beneficio d’inventario. Ciò vuol dire che il potenziale erede con debiti può valutare l’attivo e il passivo della successione per poi decidere se accettare o rinunciare. Così facendo possiamo capire se effettivamente conviene rinunciare quell’eredità o meno.

Questioni fiscali

Fiscalmente, nella successione oggi abbiamo una franchigia di 1 milione di euro.

Fino a quella cifra non si pagheranno le imposte di successione, quindi non si viene tassati.

In ogni caso, se ci sono degli immobili e c’è un passaggio di proprietà tramite la successione dovremo pagare le imposte ipotecarie e catastali.

Le conseguenze di rinunciare all’eredità se hai debiti

C’è da dire che l’atto di rinuncia è un atto che formalmente puoi fare.

Se rinunci all’eredità si passerà ai gradi successivi, quindi i tuoi figli, che potranno accettere l’eredità

Quello che però devi sapere è che se hai dei debiti e cerchi di salvare l’eredità semplicemente rinunciando, cioè facendo accettare la parte dei tuoi figli, esiste la possibilità da parte dei tuoi creditori di renderlo inutile.

Infatti, chi deve percepire somme da te può effettuare nei tuoi confronti un’azione di revocatoria (quella prevista all’articolo 2901 del Codice Civile).

Questo vuol dire che anche se tu hai formalmente rinunciato alla tua eredità, i tuoi creditori possono iniziare una causa in tribunale contro di te per dimostrare che quell’atto di rinuncia è stato effettuato con l’unico scopo di togliere quei beni dal tuo patrimonio.

Nel caso in cui la causa venisse vinta a questo punto quell’atto è come se non esistesse per i tuoi creditori.

La situazione è molto simile a quanto abbiamo già visto a proposito di donare la casa a un familiare.

Cosa si può fare

Questo modo un po’ semplice di risolvere il problema dei debiti non è definitivo, perché esiste il rischio concreto di revocatoria e quindi il rischio di perdere il patrimonio.

Quindi se sai che domani andrai a prendere un eredità, ti conviene risolvere oggi le tue posizioni con i tuoi creditori, in modo che nel momento in cui si verificherà l’apertura di quell’eredità tu sarai già a posto.

Avrai già risolto la tua situazione sarei tornato ad una situazione di equilibrio finanziario, che ti permetterà di accettare l’eredità senza la paura di perderla.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

Oppure iscriviti alla Newsletter per ricevere l’ EBOOK GRATIS