Perché calcolare il valore della tua attività in crisi?

Ti sei mai chiesto a cosa serve calcolare il valore della tua attività, anche se si trova già in crisi?

Saperlo è fondamentale per capire la giusta strategia per risolvere la crisi della tua attività.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

A cosa serve calcolare il valore di un’attività in crisi?

Questo è molto importante per due motivi:

  • Per risolvere la tua situazione di crisi. Per essere fallibile l’attivo patrimoniale deve essere superiore a 300.000 euro secondo la legge fallimentare. Quindi come primo passaggio ci serve capire se devi utilizzare la Legge fallimentare o la Legge sul sovraindebitamento.
  • la legge prevede che la proposta di pagamento che devi fare i tuoi creditori deve essere almeno pari al valore di mercato di quella che è la tua attività

Come calcolare gli immobili

L’attività è composta da diversi beni e altre cose che andiamo a vedere in questo articolo.

Partiamo dagli immobili intestati alla all’attività.

Come si fa a capire quanto vale un immobile?

La prima cosa da fare è verificare sui siti di compravendita immobiliare il prezzo degli immobili simili in zona. Lì puoi capire qual è il valore di mercato presumibile a cui qualcuno è disposto ad acquistare.

Il secondo passaggio è verificare il sito dell’Agenzia delle Entrate nella parte in cui sono previste le quotazioni immobiliari. Lì vedrai che sono suddivise per zone. Inserendo i dati relativi al tuo immobile potrai verificare qual è il valore minimo e il valore massimo che viene assegnato dall’Agenzia delle Entrate sulla base di atti di compravendita effettuati esattamente in quella zona.

Come calcolare gli strumenti aziendali

Nell’attività abbiamo anche gli strumenti di lavoro che utilizzi.

Per verificare qual è il valore di questi strumenti puoi in prima battuta verificare su internet a quanto vengono venduti strumenti di quel tipo.

Puoi anche andare a verificare presso il fornitore di quegli strumenti, chiedendo direttamente ad esso il valore di presumibile realizzo di questi strumenti nello stato in cui sono.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

Come calcolare i crediti

Dopodiché, nell’attivo di una società abbiamo anche i crediti.

La verifica da fare è capire se questi crediti sono esigibili, cioè se possono già essere chiesti.

È importante capire qual è la tempistica con la quale questi crediti sono iscritti nella tua contabilità. Più è vecchio un credito, più è presumibile che non venga incassato.

Un’ulteriore verifica utile è la solvibilità del tuo creditore. Normalmente è sufficiente una visura presso il Registro Imprese per verificare se quel creditore ha problemi economici a sua volta. Vedrai infatti se è soggetto a una procedura concorsuale o alla liquidazione.

Questi sono i segnali da tener conto congiuntamente per capire se un credito è effettivamente esigibile o meno.

Come calcolare il magazzino

Poi avremo il valore di magazzino.

Anche qui, devi effettuare una stima della presumibile vendita del magazzino, anche venduto come lotto unitario e non al dettaglio. Devi pensare al prezzo per cui una persona sarebbe disposta ad acquistare tutto il magazzino.

Come calcolare l’attivo patrimoniale

Ci sarà anche un eventuale attivo in banca da calcorlare.

I conti correnti rientrano nell’attivo della tua attività. Il valore sarà pari all’importo che c’è sul conto corrente.

L’avviamento

Infine occorrerà stimare anche un valore per l’avviamento.

Ci sono varie tecniche per farlo, ma le vedremo in un articolo dedicato.

Conclusioni

Sommando tutti i valori sopra, potrai avere il valore della tua attività.

Se è superiore a 300.000 euro ti permetterà di capire che occorrerà utilizzare strumenti di soluzione alla crisi previsti nella Legge Fallimentare. Questi strumenti, lo ricordiamo, sono il concordato preventivo, il piano di risanamento o l’accordo di ristrutturazione.

Se è minore a 300.000 euro, invece, potrai sfruttare gli strumenti dati dalla Legge sul sovraindebitamento. Questi strumenti sono la liquidazione del patrimonio o l’accordo con i creditori.

Saprai anche che questo valore dovrà essere il minimo proposto ai tuoi creditori.

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

Oppure iscriviti alla Newsletter per ricevere l’ EBOOK GRATIS