Il livello di rischio dei debiti, non tutti i debiti sono uguali

I debiti nei confronti di diverse tipologie di creditori hanno un diverso livello di rischio.

Negli affari è normale ritrovarsi con diversi debiti. Tanti e tali da non poterli pagare tutti insieme, si tratta quindi di una scelta. La scelta di quale creditore pagare per primo.

Ma è uguale pagare prima un creditore piuttosto che un altro?

Preparativi: come fare uno schema dei debiti

Iniziamo a dire che non tutti i debiti sono uguali.

Può sembrare strano ma ci sono debiti che possono creare più problemi di altri. Per questo la prima cosa da fare è capire bene:

  • quanti soldi bisogna pagare
  • a chi pagarli
  • quando pagarli

Questo schema è importante da tenere sempre a mente. Metterlo giù su un foglio di carta come tabella aiuta a semplificare la ricostruzione completa dei debiti.

I livelli di rischio dei debiti

Ogni tipo di debito ha un livello di rischio diverso. Questo livello di rischio di rischio dei debiti dipende dal tipo di creditore.

Significa che scegliere chi pagare per primo e chi pagare dopo comporta delle conseguenze che si presentano generalmente in tempi diversi a seconda del creditore che ti trovi di fronte.

Partiamo innanzitutto dalle conseguenze che puoi subire se non paghi un debito

Cosa succede a non pagare i debiti

I rischi sono fondamentalmente di due tipi, puoi ricevere:

  • un decreto ingiuntivo
  • un’istanza di fallimento

Se arriva un decreto ingiuntivo, dopo arriva anche l’atto di precetto, e alla fine un pignoramento.

Con il pignoramento può succedere che venga bloccato il conto corrente, anche se solo per la parte di soldi corrispondente al debito, oltre alle spese legali.

Si può anche pignorare la quinta parte dello stipendio per i lavoratori dipendenti. Quindi trattenere il 20% sulla busta paga.

Si possono pignorare i beni come auto e moto, che poi finiranno all’asta.

Agli imprenditori si possono anche pignorare importi già fatturati ai clienti, ma ancora incassare. Questi importi verranno incassati dal creditore che ha pignorato.

Infine può essere pignorata anche l’abitazione, che verrà poi venduta all’asta.

Parlando invece del secondo rischio, se si arriva a un’istanza di fallimento il pericolo è, ovviamente, il fallimento. Si tratta però solo di un rischio, poiché non è ancora stato dichiarato il fallimento e si possono utilizzare alcune norme per scongiurare la crisi.

Per approfondire le diverse tipologie di creditori leggi i nostri articoli su:

Candidati ORA per ricevere la tua Conulenza Omnia GRATUITA con uno dei nostri Dottori della crisi d’impresa™ compilando il nostro questionario

Oppure iscriviti alla Newsletter per ricevere l’ EBOOK GRATIS